Atrahasis - Esoterismo e Misteri

<br />        
Vai ai contenuti

Menu principale:

Atrahasis

Archivio > Archeomisteri

Atrahasis



L'Atrahasîs (atra-hasîs, "il sommamente saggio") è un poema epico in lingua accadica della prima metà del II millennio a. C. (da alcuni datato al XVIII secolo a.C.) di circa 1250 versi, che contiene, con alcuni elementi di novità, una serie di miti tradizionali mesopotamici, quali ad esempio quelli della Creazione e del Diluvio riferiti da precedenti poemi sumerici come Enki e Ninmah e la Genesi di Eridu.
Il mito del Diluvio sarà ripreso nel XII secolo a.C. dall'Epopea di Gilgamesh, rappresentata dal poema babilonese Enuma Elish ("Quando in alto"), e dalla Bibbia e dal Corano.


La prima parte del poema racconta che in origine gli dei erano divisi in due classi: le divinità della classe inferiore degli Igigi lavoravano per la classe più elevata degli Annunaki che vivevano tranquillamente nell'agiatezza. In seguito a una rivolta degli Igigi che, guidati dal dio Wê-ilu , si rifiutarono di continuare a lavorare, gli Annunaki si riunirono per cercare una soluzione, il loro re Enlil minacciando di uccidere gli Igigi. Suo fratello Ea (nome accadico per il sumerico En.ki), avendo capito che questo non avrebbe risolto il problema, propose di creare l'Uomo. L'Uomo sarebbe stato in tutto simile agli dei, all'infuori del dono dell'immortalità, e avrebbe lavorato per nutrire gli dei mediante i sacrifici. La proposta fu accettata all'unanimità. L'uomo sarebbe stato modellato nell'argilla con l'aggiunta del sangue del dio che si era ribellato, Wê-ilu, immolato per la circostanza. La dea madre Ninmah donò quindi la vita all'essere così creato sputando dentro la mistura. L'uomo da allora in poi sarebbe stato l'ordinatore dell'universo.

Nella seconda parte si narra che gli uomini vivevano nella prosperità, ma il dio supremo Enlil era infastidito da tanta floridezza ed era preoccupato dal loro moltiplicarsi. Per risolvere questo nuovo problema, Enlil inviò in principio delle terribili epidemie e poi delle carestie per cercare di decimare i suoi servitori. Ma Ea, dio delle acque dolci e protettore degli uomini, si oppose ai suoi piani tramite Atrahasîs, un uomo molto saggio che preveniva i suoi simili al sopraggiungere di ogni pericolo. Di più in più esasperato, Enlil decise allora di finirla una volta per tutte con gli uomini inviando un Diluvio universale e vietando a Ea di comunicare con chiunque di loro. Ma Ea si rivolse ad Atrahasîs in sogno e gli consigliò di costruire un'Arca resa impermeabile con del bitume, e di imbarcare con lui una coppia di tutti gli esseri viventi.


Testo del poema


Prima tavoletta
«Non erano ancora trascorsi milleduecento anni ma la terra era cresciuta enormemente: gli uomini erano diventati numerosi. Mugghiava la terra come un toro! Dallo strepito (degli uomini) era tormentato il dio. Enlil udiva il loro vociare. Si rivolse ai grandi dèi: “Il vociare dell’umanità è diventato per me insopportabile: a causa del loro strepito non riesco più a dormire! Fate che il morbo dei brividi dilaghi!” …Vi era ( in quel tempo) Atra-Hasis: Enki, il suo dio, lo teneva al corrente: Lui poteva parlare con il suo dio e il suo dio poteva parlare con lui. Atra-hasis fece udire la sua voce e si rivolse al suo dio. Atra-hasis fece udire la sua voce e si rivolse al suo dio: “Quanto tempo (gli dei faranno soffrire?) Faranno in modo che dovremmo patire mali per sempre?” Enki aprì la bocca e si rivolse al suo fedele: “Convoca gli anziani! Chiama per un summit nel tuo palazzo e fa che gli araldi proclamino e creino grande fermento nel paese: Non più rendete onore ai vostri dei! Non più pregate le vostre dee! Ma bussate alla porta di Nam-tar Portando pani cotti e metteteglieli davanti. Possano le offerte di farina essere di tuo gradimento così che allettato dalle offerte allontani la sua mano,” Atra- hasia seguì l’ordine e convocò gli anziani nel suo palazzo. Parlò Atra-hasis rivolgendosi agli anziani: “Vi ho convocato, anziani! Chiamate per un summit nelle vostre case e fate che gli araldi proclamino e creino grande fermento nel paese. Non più rendete onore ai vostri dei! Non più pregate le vostre dee! Ma bussate alla porta di Nam-tar Portando pani cotti e metteteglieli davanti, possono le offerte di farina essere di suo gradimento così che allettato dalle offerte allontani la sua mano” Gli anziani ascoltarono il suo discorso: un tempio costruirono per Nam-tar nella città. Ordinarono che gli araldi proclamassero e creassero grande fermento nel paese. Non più resero onore ai loro dei! Non più pregarono le loro dee! Bussarono alla porta di Nam-tar: un pane cotto gli misero davanti. Allettato dalle offerte allontanò la sua mano. Il morbo dei brividi li abbandonò ed essi tornarono (alla loro vita).»

Seconda tavoletta
«Non erano ancora trascorsi milleduecento anni ma la terra era cresciuta enormemente: gli uomini erano diventati numerosi. Mugghiava la terra come un toro! Dallo strepito (degli uomini) era tormentato il dio. Enlil udiva il loro vociare. Si rivolse ai grandi dei: “Il vociare dell’umanità è diventato per me insopportabile: a causa del loro strepitio non riesco più a dormire! Che si taglino i viveri alle genti, che vi sia scarsezza di piante nutritive: Che Adad allontani la sua pioggia, che le acque non sgorghino dalle sorgenti. Che i venti soffiano e inaridiscano il suolo, che le nubi si ammassino senza far piovere una goccia. Che i terreni dimezzino i loro raccolti, che la dea del grano renda sterile il suo seno. Che non abbiano alcuna gioia Che…sia soppressa”. …”Convoca gli anziani! Chiama per un summit nel tuo palazzo e fa che gli araldi proclamino e creino grande fermento nel paese: Non più rendete onore ai vostri dei! Non più pregate le vostre dee! Ma bussate alla porta di Adad portando pani cotti e metteteglieli davanti. Possono le offerte di farina essere di suo gradimento così che allettato dalle offerte allontani la sua mano: al mattino darà la rugiada, nella notte di nascosto farà scendere la bruma; di nascosto,i campi produrranno nove volte.” Un tempio costruirono per Adad nella città. Ordinarono che gli araldi proclamassero e creassero grande fermento nel paese. Non più resero onore ai loro dei! Non più pregarono le loro dee! Bussarono alla porta di Adad: un pane cotto gli misero davanti. Allettato dalle offerte allontanò la sua mano. Al mattino gli diede la rugiada, nella notte, di nascosto, fece scendere la bruma; di nascosto, i campi produssero nove volte. La carestia li abbandonò ed essi tornarono alla loro (vita). …In alto,(la pioggia non aveva riempito i canali); in basso, le acque non salivano dall’Abisso: il grembo della terra non produceva, le piante non germogliavano. Gente non se ne vedeva più, i terreni erbosi divennero brulli, le ampie pianure si incrostavano di sali. Il primo anno si mangiò grano stantio, il secondo anno si svuotarono i magazzini. Quando giunse il terso anno, il loro aspetto era cambiato per via delle privazioni, i loro volti erano del colore del malto. Erano vivi ma sull’orlo della morte: con i volti terrei, curvi percorrevano le vie; le larghe spalle erano rimpicciolite, la loro statura era rincalcata. Ogni giorno Atra-hasis pianse facendo al mattino fumigazioni rituali. “Il mio dio mi(parlerebbe),ma ha giurato; mi terrà al corrente con i sogni. Enki mi (parlerebbe),ma ha giurato; mi terrà al corrente con i sogni”.»

Terza tavoletta
«Atra-hasis aprì la bocca e disse al suo signore: “Mostrami il significato dei sogni, che io lo conosca e possa valutarne le conseguenze.” Enki aprì la bocca e disse al suo fedele: “Presta attenzione al messaggio che ti dirò! Muro, ascoltami! Canniccio, custodisci le mie parole! Demolisci la casa e costruisci un’arca. Rinuncia alle ricchezze e cerca la Vita! L’arca che costruisci ponile un tetto come (ha) l’Abisso, così che il sole non possa entrarvi. Dotala di ponti superiori e ponti inferiori. Che sia robusta la sua struttura; che il bitume sia forte da conferire forza. In un secondo tempo farò piovere su di te uccelli a profusione e caterve di pesci”. L’arrivo del diluvio dopo sette notti predisse a lui. Ricevette Atra-Hasis il messaggio; gli anziani radunò nel suo palazzo. Aprì la bocca Atra-hasis e parlò agli anziani: “Il mio dio non va d’accordo con il vostro dio: Enki e Enlil cozzano tra loro. Sono costretto ad andarmene dal paese. Poiché per sempre sarò fedele a Enki. Questo egli mi ha detto: non starò più a lungo nella vostra città. Non porrò più i miei piedi sulla terra di Enlil: (starò) col mio dio” …Il mangiatore mangiò, il bevitore bevve ma egli (Atra-hasis) andava e veniva: non poteva stare seduto, non riusciva a piegarsi perché il suo cuore era spezzato, vomitava bile. …Il giorno cambiò il suo aspetto. Adad tuonò tra le nuvole. Come (Atra-hasis) udì la sua voce, bitume fu portato e sigillò l’entrata. Dopo che ebbe sigillato la porta, Adad tuonò tra le nuvole, venti impetuosi si alzarono ed egli ruppe gli ormeggi e liberò l’arca. ..la tempesta …furono soggiogati. Anzu con i suoi artigli strappò i cieli, egli…la terra come un coccio il suo clamore frantumò. …uscì il Diluvio. Come una mazza da guerra si abbattè sulle genti: nessuno potè più vedere l’altro, non riuscirono più a vedersi nella catastrofe. Il Diluvio mugghiava come un toro, come un onagro urlava il vento. L’oscurità divenne densa, il sole scomparve. …Nintu, la grande dea, l’orrore le piagava le labbra. Gli Alunna, i grandi dei, giacevano prostrati dalla fame e dalla sete. Vide la dea e pianse. …Nell’assemblea degli dei, come ho potuto insieme a loro decretare al distruzione? E’ stato Enlil a impartire questo malvagio ordine! …Ho udito le loro grida levate a me, contro di me, contro la mia persona. …Dov’è andato Anu, il responsabile della decisione, i cui figli, gli dei, hanno accondisceso al suo ordine? Lui che sconsideratamente ha determinato il Diluvio e ammucchiato la gente per il massacro? …Ho visto e ho pianto su di loro: potrò mai cessare di piangere per loro? Pianse dando sfogo al suo dolore; si lamentò Nintu e rinfocolò il suo tormento, piansero con lei gli dei per il paese. …Sette giorni e sette notti il nubifragio, la tempesta, il Diluvio durò. …Egli (Atra-hasis) pose… preparò l’offerta… Gli dei sentirono il profumo: come mosche si ammassarono sull’offerta. …L’arca vide l’eroe Enlil e si riempì d’ira contro gli Igigi: “Noi, gli dei, i grandi Alunna avevamo stipulato tutti insieme un patto! Da dove spunta questa vita? Come ha potuto un uomo sfuggire alla catastrofe?” Anu aprì la bocca e disse all’eroe Enlil: “Chi se non Enki avrebbe potuto fare ciò? … ha rivelato il piano!” Enki prese la parola e disse ai grandi dei: “Io, certo, l’ ho fatto e al vostro cospetto! Io, certo, ho fatto in modo che la vita venisse preservata!” …”Così noi inviammo il Diluvio, ma un uomo sopravvisse alla catastrofe.” …Possano (gli dei) ascoltare questo canto così da poterli lodare; possano gli Igigi ascoltarlo così da celebrare la tua grandezza.»

Provenienza e Fonte: http://enki-anunnaki.blogspot.it/p/atrahasis.html

 
Last Update: 06/01/2017
Powered by Esoterismo e Misteri.com  -  Copyright © 2010-2015 All Rights Reserved
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu