I fantasmi del castello di Dunluce - Esoterismo e Misteri

<br />        
Vai ai contenuti

Menu principale:

I fantasmi del castello di Dunluce

Archivio > Fantasmi e Castelli

I fantasmi del Castello di Dunluce



La costa di Antrim è profondamente connessa alla storia e alle tradizioni scozzesi.
Il perfetto esempio di questo intreccio storico e culturale è proprio il Castello di Dunluce.
Le parti del castello che furono sede del Clan MacDonnell, risalgono al XIV secolo ma, in realtà, fu costruito per volere del nobile irlandese Richard Óg de Burgh nel XIII secolo ( due torri di 9 metri di diametro), ed appartenne alla famiglia MacQuillan prima di divenire proprietà dal clan MacDonnell.
Tuttavia, l'affioramento su cui sorge ha una storia di coinvolgimento umano che risale a molti secoli prima...a tempi antichissimi. Il sito era considerato estremamente importante sia spiritualmente che strategicamente e fu spesso conteso: vi è una grotta, un passaggio sotterraneo artificiale che gli archeologi stimano possa risalire al 500 d.C.
Coloro che hanno già visitato la Scozia, arrivando da Portrush provano immediatamente la sensazione di essere tornati ad approdare sulla costa scozzese tanto questo spettacolare castello li ricorda.

Il Dunluce Castle infatti si aggrappa ostinatamente ad uno sperone di roccia, a picco su un mare oscuro e burrascoso che al primo raggio di sole s’incendia di colori cristallini, con alle spalle prati di un verde accecante. Nessuno sa esattamente cosa significhi il nome originale."Dunluce" si traduce come "forte del forte", (in gaelico irlandese - Dún Libhse) ma il significato del nome originario "Dunliphis" è un mistero ancora irrisolto.
La bellezza del maniero ormai in rovina è indiscutibile: l’articolata costruzione sembra sfidare la logica e la gravità, appesa come per disperazione alle rocce friabili di basalto, erose dal vento e dalla forza distruttrice del mare che già nel corso dei secoli si è portato via un’intera porzione del castello, costringendo così a spostare la Manor House in posizione più centrale.
Attraversando il ponte si ha la sensazione di tornare indietro nel tempo, di sentire il vociare concitato della servitù e l’odore della legna che arde negli immensi camini. Le stanze ormai prive di tetto sono in balia degli elementi ma conservano un fascino assolutamente unico.
Molte persone hanno trovato la morte sulla scogliera e, in centinaia di anni, sono state numerose le segnalazioni di avvistamenti di fantasmi e i racconti riguardanti l'interno delle sue mura di fredda pietra grigia.

La storia di Maeve Roe MacQuillan e Reginald O'Cahan

Una di queste storie è quella di Lady Maeve Roe
.
Si pensa sia stata l'unica figlia di Lord MacQuillan e rifiutò con forza la volontà del padre, che l'aveva promessa in sposa a Richard Oge, da venire rinchiusa nella torretta nord-est del castello. Maeve era innamorata di Reginald O'Cahan figlio di un capo clan rivale e ogni giorno e notte guardò dalla finestra della sua prigione nella speranza che il suo amore sarebbe arrivato a salvarla.
Era una notte buia e tempestosa quando finalmente Reginald arrivò al castello: con il vento che fischiava attraverso i merli e batteva contro le spesse mura di pietra, la coppia segretamente fuggì dalla fortezza. Nel freddo della notte entrarono nella Grotta Sirena, una caverna che si apre nelle rocce sottostanti il castello dove il giovane aveva nascosto una piccola imbarcazione e così sfidarono il mare turbolento con la speranza di raggiungere Portrush (Irish-Port Rois).
Purtroppo la barca perse la propria sfida contro la forza delle onde e venne gettata contro le rocce, Maeve Roe e Reginald O'Cahan affondarono nelle gelide profondità del mare.
Si dice che il corpo dell'uomo fu ritrovato dopo qualche tempo ma quello di Maeve non venne mai più recuperato e che da allora giaccia nella sua tomba d'acqua e anche se i suoi resti mortali sono ormai persi il suo spirito è ancora presente al Dunluce castle.

I visitatori del castello e gli abitanti dei dintorni raccontano che nelle notti buie e tempestose si odono strazianti lamenti e urla inquietanti provenire dalla Torre di nord-est conosciuta anche come Torre di MacQuillan.

Nel corso dei secoli successivi, i servi sono entrati sempre malvolentieri nella torre ed in ogni caso non hanno avuto modo di raccogliere polvere o sudiciume: la leggenda narra che sia il fantasma di Maeve Roe a tenere pulito.
Sono stati in molti, nel corso degli anni, ad affermare di aver visto una figura femminile avvolta in da sudario bianco, accompagnata da lamenti, sulle rocce di Dunluce nelle notti di tempesta. Alcuni ritengono trattarsi di una Banshee, generata dallo spirito inquieto di Maeve Roe MacQuillan.



La leggenda della cucina che cadde in mare


Nel 1600, secondo un mito locale , una forte tempesta fece crollare una parte del castello ove erano ubicate le cucin, causando molte vittime tra la servitù.
La leggenda viene narrata più o meno così: Lady Katherine Manners, una signora inglese estremamente ricca ed abituata ad uno stile di vita sontuoso, si sposò nel 1635 con Lord Randal MacDonnell, di Antrim. La coppia viveva abitualmente a Londra ma, nel 1638, si trasferì a Dunluce insiame ai figli e a molti dei servitori.
Era una notte tempestosa quella durante la quale Lady Katherine aveva organizzato una grande festa al castello, alla quale parteciparono i nobili di tutta l'Irlanda, come gli O'Neill, gli O'Haras e i MacHenrys, riempendo la grande sala del banchetto e godendo del buon cibo e della musica. Ad un certo punto, tuttavia, un enorme boato provenne dal lato nord del castello. Tutti si precipitarono e, con grande stupore, videro che la cucina era scomparsa, insieme con nove dei servi. Tutta una parte del palazzo, insieme a molti oggetti di valore, era crollata in mare, oltre 100 piedi più in basso. Solo un angolo della cucina era rimasto al proprio posto e lì, in piedi, vi era la zingara alla quale Lady Katherine aveva rifiutato l'ingresso nel corso della giornata. A lei fu data la colpa di aver lanciato una maledizione sul castello. I Signori di Antrim, secondo la leggenda, lasciarono il castello subito dopo per non farvi più ritorno e, a quanto pare, facero bene perchè dopo non molto crollò anche il tetto. Non sappiamo dove finisca la storia e cominci il mito, ma sappiamo che in alcuni dipinti del 1600 e 1700 l'ala Nord viene rappresentata ancora intatta.

Un'altra storia locale narra del fantasma del capitano inglese
.

Gli inglesi, dopo anni di ostilità riuscirono a conquistare il castello, ma i MacDonnell non erano affatto sconfitti e, dopo aver ripetutamente assaltato le mura decisero di provare a risalire scalando la parete rocciosa e le torri angolari. Il tentativo ebbe successo e il comandante della guarnigione, un capitano inglese, venne impiccato.
Ed è lì, su quelle torri, che il suo fantasma è stato notato più volte aggirarsi,  forse impegnato per un turno di guardia che in vita non ha eseguito in maniera adeguata e che ora ha il sapore dell'eternità.




Articolo di Claudio Dionisi per Esoterismo e Misteri

Pubblicato il: 05 Luglio 2015

Articolo soggetto a Copyright - Tutti i diritti riservati - Riproduzione vietata
 
Last Update: 06/01/2017
Powered by Esoterismo e Misteri.com  -  Copyright © 2010-2015 All Rights Reserved
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu