Il Convento di Bonamargy e il fantasma di Julia McQuillan, la Suora Nera - Esoterismo e Misteri

<br />        
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Convento di Bonamargy e il fantasma di Julia McQuillan, la Suora Nera

Archivio > Luoghi Misteriosi e Terre Leggendarie

Il Convento di Bonamargy
e il fantasma di Julia McQuillan,
la Suora Nera




Nascosto tra i campi da golf e la spiaggia in Ballycastle, sulla splendida costa di Antrim, lungo la Cushendall Road, si trovano le rovine del Bonamargy Friary.

Secondo lo storico O'Laverty, il nome del convento, "Bun na Mairge", cioè ai piedi del Margy, deriverebbe dalla sua posizione geografica, vicino a dove il Margy, brevissimo fiume formato dalla confluenza del Cary e dello Shesk, entra nel mare.
Al contrario, lo storico locale, Cahal Dallat, suggerisce un significato alternativo, "Bun na Mairgeadh", indicherebbe i piedi del mercato, in riferimento alla sua posizione rispetto al famoso mercato di Ballycastle.
Il convento è stato edificato nel 1485 da Rory MacQuillan ed occupato dal Terzo Ordine dei Francescani fino alla metà del 17° secolo.
Si ritiene che sia stato costruito su un sito religioso precedente ed i monaci vi sono rimasti fino a quando, nel 1584, arrivarono le truppe di Elisabetta I.
Durante gli scontri che seguirono tra le truppe inglesi ed il Clan MacDonnell, il convento fu gravemente danneggiato. Venne parzialmente ricostruito e rimase un luogo di culto, anche senza monaci, fino al 1640.
E' ormai ridotto ad un rudere, curato dal governo attraverso il Dipartimento dell'Ambiente e del Patrimonio.
Si narra che la prima primissima battaglia tra i belligeranti dei clan MacDonnell e MacQuillan fu combattuta nelle sue prossimità.
Resistono al tempo le tracce di un altare nella piccola chiesa annessa, oltre ad una scala ed una cripta sigillata dove vengono custodite le bare di molti dei conti di Ulster e del capo Sorley Boy MacDonnell.
Tra le rovine, intorno al 1822, furono rinvenuti quattro manoscritti custoditi in una vecchia cassa di quercia. Uno di essi è descritto come "Saint Bonaventures Life of Christ" e "A History of the Blessed Scriptures".
Un altro manoscritto conteneva gran parte di una delle principali opere teologiche di san Tommaso d'Aquino, è lungo 600 pagine e originariamente apparteneva al Monastero di Sant'Antonio di Amiens, in Francia.






Parlando con qualsiasi abitante di Ballycastle circa la storia della zona uno dei primi nomi che inevitabilmente viene citato è quello di Julia McQuillan,
nota con il nome di "The Black Nun", la Suora Nera, nota in special modo per le sue sette profezie e per essere il Fantasma del Bonamargy Friary.

A cavallo tra storia e leggenda si narra che Julia fosse una monaca di clausura, oltre che profetessa, e visse nel monastero in totale solitudine dopo che, nel 1641, il sito cadde in disuso.

Alla sua morte, per la sua profonda umiltà, volle essere sepolta all'ingresso della cappella che si trova nel lato ad ovest della chiesa principale, in modo che chiunque fosse entrato l'avrebbe calpestata: la sua tomba è riconoscibile: si tratta di una croce celtica con foro centrale, talmente consumata da avere i contorni arrotondati.


Secondo tali racconti la sua dipartita avvenne a causa di un incidente sul tredicesimo gradino di una scalinata del sito. Ma su questo punto le leggende divergono: secondo alcuni si trattò di omicidio, secondo altri di una caduta accidentale; in ogni caso la tradizione invita i visitatori a non porre piede sul gradino per non incorrere in eventi negativi.

La scala in questione, come potete osservare dalle foto è composta da un totale di 14 gradini, di cui l'ultimo corrisponde al piano del livello superiore, ne consegue che il tredicedimo è il primo gradino della rampa ma, in ogni caso, il problema non si pone perchè è chiusa al pubblico già da molti anni.

Un'altra delle leggende dice che, se si gira intorno alla sua tomba 7 volte in senso orario e 7 volte in senso antiorario e poi si fa passare una mano attraverso il foro, si può evocare il suo fantasma, anche se sono in molti ad essere certi che lei sia sempre presente e, quindi, varcando l'ingresso del sito sarebbe buona educazione salutarla e farle sapere che si è lì con animo sereno e senza intenzione di arrecare alcun disturbo, in tal modo lei presterà la sua benevola attenzione ed infonderà pace e serenità.
Alcuni testimoni riferiscono di essersi sentiti osservati e di provare un certo feeling con Julia, in qualche caso ci sarebbero anche state delle visualizzazioni del suo fantasma.
Tutta una serie di altri eventi singolari ed enigmatici sono stati testimoniati nel corso degli anni, a partire dai vari avvistamenti di una inquietante figura senza testa che si aggirerebbe silenziosa e solitaria, di tanto in tanto, tra gli antichi ruderi.

Due fratelli, James ed Eamon Magorrian, durante una visita, hanno rischiato di essere colpiti da una grossa pietra che, inspiegabilmente, non è caduta dalla sommità del muro della navata della chiesa ove si trova la sepoltura di Julia ma si è letteralmente sfilata dal muro proiettandosi verso di loro come se fosse stata colpita da dietro con forza.


Le Profezie


  • Secondo una delle profezie un prete dai capelli rossi sarebbe venuto da lontano a predicare in Margytown (ora Ballycastle), ma sarebbe morto nuotando il giorno successivo. E così avvenne a P. James McCann. Originario di Belfast, nei primi anni del 1900, andò a predicare in una congregazione a Ballycastle e annegò il giorno dopo nelle acque apparentemente placide della baia di Murlough.

Le altre profezie sono più ermetiche ma, in fin dei conti, sufficientemente indicative.

  • Le imbarcazioni sarebbero state costruite in ferro.

  • Knocklayde (la vicina montagna) avrebbe dato acqua. Altre fonti ne danno una versione più forte secondo cui Knocklayde sarebbe esplosa e l'acqua versata avrebbe inondato la terra circostante per sette miglia. Un uomo sarebbe in grado di premere un pulsante e l'acqua avrebbe fluito da Knocklayde a Ballycastle. Due pietre erette (alcuni suggeriscono a Cardiff e Barnish, altri dicono Gortconny e Carey) sarebbero state accostate. Le pietre provenienti da entrambe le aree sono stati successivamente utilizzate per la costruzione del porto di Ballycastle.

  • L'Irlanda sarebbe diventata indipendente con l'arrivo di una "nave a vela" con le vele in fiamme.

  • Sarebbero esistite carrozze senza cavalli.

  • Ci sarebbe stato un chierico dai capelli rossi. Nessuno ha ben capito a cosa si riferisca

  • Nel fiume Hilltown sarebbe scorso sangue.


Tra le leggende più affascinanti ve ne è una che narra addirittura di un tesoro!
Quando i francescani lasciarono il convento vi abbandonarono, ben nascosto, un tesoro che non è stato ancora trovato.
Il modo per recuperarlo sarebbe quello di andare alla finestra principale della chiesa e accendere una candela. La maggiore ampiezza dell'ombra indicherebbe o la posizione del tesoro oppure l'indizio successivo della ricerca.
Purtroppo non sono mai state reperite ulteriori indicazioni specifiche, a partire dalla lunghezza precisa della candela necessaria per fare delle misurazioni.
E' un luogo che infonde sensazioni estremamente contrastanti, tra inquietudine e austerità, che cattura col suo fascino secolare, quasi a promettere di svelare un segreto.
Una delle cose che lasciano riflettere e che abbiamo potuto effettivamente constatare è che gli animali, soprattutto cani e gatti, si tengono ben alla larga o, se costretti, manifestano nervosismo e ansia, tirando il guinzaglio verzo il cancello d'uscita.
Tra le molte foto scattate ve ne sono due che presentano delle "anomalie". Come potrete immaginare è difficile dare delle spiegazioni a quanto ripreso dalla fotocamera, perchè le variabili e le possibilità sarebbero tante, ma in ogni caso ve le proponiamo: a voi il giudizio!






Articolo di Claudio Dionisi per Esoterismo e Misteri
Pubblicato il: 05 Luglio 2015

Articolo soggetto a Copyright - Tutti i diritti riservati - Riproduzione vietata



 
Last Update: 20/04/2017
Powered by Esoterismo e Misteri.com  -  Copyright © 2010-2015 All Rights Reserved
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu