Il Mistero della Percezione - Esoterismo e Misteri

<br />        
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Mistero della Percezione

Archivio > Filosofia Esoterica

Il mistero della percezione



Il mistero emerge quando ci insegnano che noi non viviamo una realtà esterna, ma sono i limiti della nostra struttura psichica che creano la realtà, la quale è condivisa da coloro che hanno analoghe limitazioni.
Questo concetto non è semplice da capire, o meglio, risulta difficile da accettare.

Cerchiamo di riflettere un po' su quello che conosciamo e che possiamo sperimentare.
Se, per esempio, tocco una sedia penso che sia concreta,la sento sotto le mie dita e la percepisco con tutti i miei sensi fisici.
In realtà ciò che sperimento è un passaggio che avviene dai nervi tattili e visivi al cervello, che elabora una figura dai contorni corrispondenti a quelle rozze percezioni; poi la mente idealizza quella figura con tutti gli attributi che l'esperienza è in grado di concedere.
Dunque è più un lavoro mentale che fisico ed è un lavoro che richiede una coscienza che possa dare una ragione a quello che si percepisce con i sensi.

Così si capisce che il meccanismo della percezione ha radici nella coscienza individuale, di cui i sensi fisici sono un’estensione funzionale al momento evolutivo di quella creatura.
Questi sensi fisici traducono e interpretano gli impulsi che derivano (non dalla sedia o da qualunque altro oggetto o persona), ma da un’idea mentale che, in quel momento, sta inglobando e analizzando quel particolare aspetto della realtà da cui è sollecitata.
L’idea mentale, a sua volta, emerge dal movimento della coscienza, la quale esprime i suoi limiti dell’essere per l’espansione del proprio spirito.


Per dirla in modo più semplice, non siamo noi che percepiamo la sedia, ma la sedia è in noi, come pensiero astratto e incompleto, nella sua definizione; perciò abbiamo necessità di proiettarlo all’esterno per comprenderne tutti gli aspetti e renderlo nostro nella sua completezza.
Cosa fa, per esempio, un artista quando dipinge o scolpisce o compone un'opera d'arte?  Cosa sente come emozione, sentimento e pensiero se non non ciò che la sua mente ha già nella natura del suo spirito?
Un animale può, forse, coglierne la bellezza di quell'opera?
Sicuramente no. Perchè ci vuole un artista o, meglio, una creatura che abbia, in sè, quella materia mentale, tanto raffinata da sviluppare quell'idea di bellezza e armonia.

Dunque siamo noi che creiamo la nostra realtà, e lo facciamo nella misura dei nostri bisogni, determinati dai limiti che abbiamo.

La fisica moderna studia il fisico e trova dei principi che sono più spirituali che materiali.
Noi abbiamo un corpo fisico che è l'espressione di uno spirito.
C'è sicuramente una corrispondenza in tutto questo. E sicuramente non c'è niente di materiale (compresi i nostri organi fisici) che non abbia un corrispettivo e sia in sintonia con un principio animico o spirituale.


Dalla fisica quantistica ho imparato che non esiste la materia in posti definiti.
A livello subatomico ci insegnano che la materia si presenta solo con una "tendenza ad esserci".
Dunque, gli eventi subatomici non si verificano con certezza in tempi e luoghi precisi, ma si presentano come una probabilità a verificarsi.
Quello che fa "collassare" l'onda di probabilità nell'evento certo, è il pensiero dell'uomo.
Sembra quasi che ci sia una realtà spirituale che l'uomo, con il suo pensare, ideare, desiderare e ipotizzare condensa nell'aspetto materiale che crea gli eventi e le cose.

James Jeans, astronomo e fisico, nel suo libro "Il segreto dell'universo" ha scritto che "l'universo comincia a sembrare più simile ad un grande pensiero che non a una grande macchina".
Un grande pensiero di chi? Se non come risultato degli innumerevoli pensieri e sensazioni degli esseri che abitano e "sentono" questo universo?

Paradossalmente siamo i creatori di una storia già scritta che la nostra presenza e attenzione vivifica nella logica consequenziale coordinata dalle leggi del Cosmo che abitiamo.



Articolo di:
Umberto Ridi


https://www.facebook.com/notes/umberto-ridi/
il-mistero-della-percezione/10153135197546779


Articolo soggetto a Copyright - Tutti i diritti riservati all'autore - Riproduzione vietata



Share

 
Last Update: 03/05/2017
Powered by Esoterismo e Misteri.com  -  Copyright © 2010-2015 All Rights Reserved
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu